funghi

Per molti, è già diventata una tradizione: raccogliere funghi in una foresta verde, sbucciarli insieme e gustare cibi fragranti la sera, fare i preparativi per l'inverno. Se consumati correttamente, i funghi sono utili, ma ci sono danni da loro se non segui semplici regole.

I benefici dei funghi

I funghi appartengono a un regno separato: sono una forma di vita completamente diversa dalle piante. I funghi combinano le proprietà della flora e della fauna, che non potevano non influire sulla loro composizione.

Questo prodotto veniva consumato agli albori della civiltà per vari scopi. Dopotutto, non ci sono solo funghi commestibili, ma anche velenosi. Sono stati usati dagli sciamani per entrare in uno stato speciale nei rituali. La capacità di distinguere i funghi commestibili da quelli velenosi è sempre stata apprezzata, e non è ancora meno importante per i raccoglitori di funghi dilettanti.

Questo prodotto è costituito quasi interamente da acqua, quindi quando si asciugano i funghi occupano pochissimo spazio e pesano poco.
I funghi sono ricchi di proteine, proprio come i cibi animali. Pertanto, per i vegetariani, è uno dei pochi sostituti di questo nutriente. I più nutrienti sono i tradizionali funghi "nobili". Ma in termini di composizione e capacità di influenzare il corpo, molte specie commestibili non differiscono molto l'una dall'altra. Spesso il valore di una specie particolare è notevolmente esagerato, ad esempio, a causa della sua rarità ed esotismo.

La maggior parte delle sostanze utili nei giovani frutti, i vecchi funghi accumulano sempre più tossine e si distinguono per l'aumento della verme. Inoltre, i funghi contengono molte vitamine del gruppo B, vari oligoelementi: zinco, calcio, magnesio, iodio e altri.

A causa dell'abbondanza di chitina, che è scarsamente digerita, i nutrienti non sono ben assorbiti dai funghi. Ma la chitina stessa è abbastanza utile. Sotto l'influenza dell'acido nello stomaco, si trasforma in chitosano. Questa sostanza è in grado di abbassare i livelli di colesterolo inibendo l'assorbimento dei grassi e legando i lipidi. Pertanto, mangiare funghi può aiutare a mantenere la salute vascolare e cardiaca e abbassare la pressione sanguigna.

Danni ai funghi

I funghi sono "spugne" naturali, accumulatori di sostanze nocive. Pertanto, è molto importante raccoglierli lontano da strade e attività commerciali per evitare avvelenamenti. È meglio prendere funghi giovani e solo quelli di cui sei sicuro al cento per cento. Se hai il minimo dubbio, non rischiare: può essere mortale.

I funghi contengono nella loro composizione il polisaccaride chitina, che appartiene al gruppo dei carboidrati difficili da digerire ed è vicino alla fibra per il suo ruolo biologico. Porta grandi benefici al nostro organismo, poiché è un assorbente e una fonte di nutrimento per la microflora intestinale benefica. Tuttavia, in presenza di malattie del tratto gastrointestinale, soprattutto quando si consumano funghi fritti in grandi quantità di olio, possono provocare la loro esacerbazione. Si consiglia di mangiare non più di 100-150 grammi di funghi in un pasto.

Come scegliere e conservare correttamente i funghi

Per evitare l'intossicazione alimentare, dovresti mangiare solo funghi provati. Ciò è possibile solo se raccolti da un raccoglitore di funghi esperto in aree remote ecologicamente pulite. Ma anche le persone esperte con un libro di consultazione possono commettere errori, quindi, al minimo sospetto, è meglio non prendere i funghi.

Durante la raccolta, scegli i frutti giovani, non raccogliere campioni completamente vermi. Molte persone prendono questi funghi con i vermi, "sarà ancora digerito, proteine". Questo non è del tutto vero, dal momento che le larve e gli insetti che si sono stabiliti nei funghi secernono i propri prodotti trasformati che non fanno bene all'intestino. È impossibile avvelenarsi con questo, ma non è ancora abbastanza piacevole. Per evitare che il fungo vermi ancora di più, deve essere lavorato immediatamente dopo la raccolta.

Per proteggerti, puoi acquistare funghi coltivati ​​in serra. Sono testati per le tossine, puliti dai detriti e sono disponibili tutto l'anno. Anche se, ovviamente, il loro prezzo sarà più alto ei vantaggi saranno inferiori.

I funghi freschi vengono conservati in frigorifero per diversi giorni. Per prolungare la loro durata, possono essere congelati o essiccati in modo che durino tutto l'anno. Lo stoccaggio con l'aiuto della salatura e del decapaggio non è la soluzione migliore, poiché quasi tutti i nutrienti vengono persi e aumenta il rischio di avvelenamento dovuto a una violazione della tecnologia.

 

 

Lascia un Commento

Lascia un Commento