Foto e descrizione dello scarabeo stercorario radiante (Coprinellus radians).

Contenuti

Scarabeo stercorario radiante (Coprinellus radians)

Sistematici:
  • Divisione: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina (Agaricomycetes)
  • Classe: Agaricomiceti (Agaricomiceti)
  • Sottoclasse: Agaricomycetidae (Agaricomycetes)
  • Ordine: Agaricales (agarico o lamellare)
  • Famiglia: Psathyrellaceae (Psatyrellaceae)
  • Genere: Coprinellus
  • Tipo: Coprinellus radianti (scarabeo stercorario radiante)
  • Agaricus radianti Desm. (1828)
  • Un cappotto da giardiniere Metrod (1940)
  • Coprinus radianti (Desm.) p.
  • C. radianti var. diversicystidiatus
  • C. radianti var. levigato
  • C. radianti var. otturato
  • C. radianti var. pachiteicoto
  • C. come Berk. & Scopa

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario radiante (Coprinellus radians).

Nome attuale: Coprinellus radiantans (Desm.) Vilgalys, Hopple & Jacq. Johnson, in Redhead, Vilgalys, Moncalvo, Johnson & Hopple, Taxon 50(1): 234 (2001)

La specie fu descritta per la prima volta nel 1828 da Jean Baptiste Henri Joseph Desmazieres, che le diede il nome di Agaricus radians. Nel 1838 Georges Métrod lo trasferì al genere Coprinus. Come risultato di studi filogenetici condotti a cavallo tra il 2001 e il XX secolo, i micologi hanno stabilito la natura polifiletica del genere Coprinus e lo hanno diviso in diversi generi. Il nome attuale, riconosciuto da Index Fungorum, fu dato alla specie nel XNUMX.

capo: Nei giovani corpi fruttiferi, fino a quando il cappello inizia a dispiegarsi, le sue dimensioni sono di circa 30 x 25 mm, la forma è emisferica, ovoidale o ellissoidale. Nel processo di sviluppo si espande e diventa conico, poi convesso, raggiungendo un diametro di 3,5-4 cm, raramente fino a 5 centimetri di diametro. La buccia del cappello va dal giallo dorato all'ocra, poi arancione chiaro, sfumando in grigio-marrone chiaro con la maturazione, con resti del velo comune sotto forma di piccoli frammenti lanuginosi di colore bruno-rossastro giallastro, più scuro al centro e più chiaro verso i bordi, soprattutto molti al centro del cappello.

Il bordo del cappuccio è nettamente a coste.

piastre: libero o aderente, frequente, il numero di placche complete (raggiungendo lo stelo) – da 60 a 70, con placche frequenti (l = 3–5). La larghezza delle piastre è di 3–8 (fino a 10) mm. Inizialmente bianche, poi dalla maturazione le spore diventano grigio-marroni a nere.

Posare: altezza 30–80 mm, spessore 2–7 mm. A volte sono indicate misure più grandi: fino a 11 cm di altezza e fino a 10 mm di spessore. Centrale, uniforme, cilindrico, spesso con una base ispessita o anulare a forma di mazza. Spesso la gamba cresce dall'ozonio, fibre di micelio rosso che formano un "tappeto" nel luogo di crescita del radioso scarabeo stercorario. Leggi di più sull'ozonio nell'articolo Scarabeo stercorario fatto in casa.

Polpa: sottile, fragile, biancastro o giallastro.

Odore: senza caratteristiche.

Gusto: Nessun sapore particolare, ma a volte descritto come dolciastro.

Impronta di polvere di spore: il nero.

Споры: 8,5–11,5 x 5,5–7 µm, ellissoide o ellissoide cilindrico, con base e apice arrotondati, di colore rosso-bruno da medio a scuro.

Lo scarabeo stercorario radioso è piuttosto raro, ci sono pochi reperti confermati. Ma, forse, in effetti, è molto più grande, è stato erroneamente identificato come scarabeo stercorario.

In Polonia ci sono solo pochi reperti confermati. In Ucraina si ritiene che cresca sulla Rive Gauche e nella regione dei Carpazi.

Frutto dalla primavera all'autunno, probabilmente distribuito ovunque.

In un certo numero di paesi è incluso nell'elenco delle specie in via di estinzione e protette.

Saprotrofo. Cresce su rami caduti, tronchi e tronchi di alberi a foglie caduche, su terreni di humus con una grande quantità di residui legnosi. Da soli o in piccoli gruppi. Si trova in foreste, giardini, aree di parchi, prati e giardini domestici.

Non ci sono dati esatti. Molto probabilmente, il radioso scarabeo stercorario è commestibile in giovane età, come tutti gli scarabei stercorari, "simile a casa o luccicante".

Tuttavia, è stato segnalato un caso di cheratite fungina (infiammazione della cornea) causata da Coprinellus radianti. L'articolo “Rare Fungal Keratitis Caused by Coprinellus Radians” è stato pubblicato sulla rivista Mycopathologia (2020).

Metteremo con cura lo scarabeo stercorario nelle "Specie non commestibili" e consiglieremo ai raccoglitori di funghi rispettati di ricordarsi di lavarsi le mani dopo il contatto con i funghi, soprattutto se improvvisamente vogliono grattarsi gli occhi.

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario radiante (Coprinellus radians).

Scarabeo stercorario (Coprinellus domesticus)

È molto simile e in alcune fonti è sinonimo di scarabeo stercorario, che ha un corpo fruttifero leggermente più grande e resti bianchi, piuttosto che giallastri, di un velo comune sul cappello.

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario radiante (Coprinellus radians).

Scarabeo stercorario dorato (Coprinellus xanthothrix)

Coprinellus xanthothrix Molto simile, specie da giovane, con scaglie di color marrone chiaro sul cappello.

Un elenco di specie simili sarà aggiornato nell'articolo Scarabeo stercorario.

Lascia un Commento