Foto e descrizione dello scarabeo stercorario di zucchero (Coprinellus saccharinus).

Contenuti

Scarabeo stercorario di zucchero (Coprinellus saccharinus)

Sistematici:
  • Divisione: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina (Agaricomycetes)
  • Classe: Agaricomiceti (Agaricomiceti)
  • Sottoclasse: Agaricomycetidae (Agaricomycetes)
  • Ordine: Agaricales (agarico o lamellare)
  • Famiglia: Psathyrellaceae (Psatyrellaceae)
  • Genere: Coprinellus
  • Tipo: Coprinellus saccharinus (Scarabeo stercorario dello zucchero)
  • Coprinus saccarina romano (obsoleto)

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario di zucchero (Coprinellus saccharinus).

Bibliografia: Coprinellus saccharinus (Romagna) P. Roux, Guy Garcia & Dumas, A Thousand and One Fungi: 13 (2006)

La specie è stata descritta per la prima volta da Henri Charles Louis Romagnesi nel 1976 con il nome Coprinus saccharinus. Come risultato di studi filogenetici condotti a cavallo tra il 2006 e il XX secolo, i micologi hanno stabilito la natura polifiletica del genere Coprinus e lo hanno diviso in diversi tipi. Il nome moderno riconosciuto da Index Fungorum è stato dato alla specie nel XNUMX.

capo: piccolo, nei funghi giovani può arrivare fino a 30 mm di larghezza e 16-35 mm di altezza. Inizialmente ovoidale, poi si allarga a campana e infine a convessa. Il diametro del cappello di un fungo adulto è fino a 5 cm. La superficie è striata radialmente, bruno-ocra, brunastra, di colore bruno chiaro, più scura superiormente, brunastra, bruno ruggine, più chiara verso i bordi. Ricoperto di scaglie o scaglie biancastre molto piccole, i resti di un copriletto comune. I giovani esemplari ne hanno di più; nei funghi adulti, sono spesso quasi completamente spazzati via dalla pioggia o dalla rugiada. Queste scale al microscopio:

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario di zucchero (Coprinellus saccharinus).

Il cappello è nettamente a coste fini dal bordo e quasi fino alla sommità.

Durante la maturazione, come altri scarabei stercorari, "drena l'inchiostro", ma non completamente.

piastre: piatti liberi o debolmente aderenti, frequenti, 55-60 pieni, con piatti, stretti, bianchi o biancastri nei funghi giovani, successivamente – grigi, brunastri, marroni, poi virano al nero e sfocano, trasformandosi in “inchiostro” nero.

Posare: liscia, cilindrica, alta 3-7 cm, raramente fino a 10 cm, fino a 0,5 cm di spessore. Bianco, fibroso, cavo. Alla base è possibile un ispessimento con i resti di un velo comune.

Ozonio: mancante. Che cos'è "Ozonio" e come appare - nell'articolo Scarabeo stercorario fatto in casa.

Polpa: sottile, friabile, biancastra nel cappello, bianca, fibrosa nel gambo.

Odore e gusto: senza caratteristiche.

Impronta di polvere di spore: il nero.

Caratteristiche microscopiche

Споры ellissoide o leggermente simile a mitriformi (a forma di cappello vescovile), liscio, a parete spessa, con pori germinali larghi 1,4–2 µm. Dimensioni: L = 7,3–10,5 µm; W = 5,3-7,4; Q = 1,27–1,54, Qm: 1,40.

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario di zucchero (Coprinellus saccharinus).

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario di zucchero (Coprinellus saccharinus).

I pileocistidi e i calocistidi sono assenti.

Cheilocistidi numerosi, grandi, cilindrici, 42–47 x 98–118 µm.

Pleurocistidi simili di dimensioni 44–45 x 105–121 µm.

Fruttificazione dalla fine dell'estate all'autunno.

Lo scarabeo stercorario di zucchero è ampiamente distribuito in Europa, ma è raro. Oppure viene troppo spesso scambiato per il ben più noto Twinkling Duckweed (Coprinellus micaceus).

Saprotrofo. Si sviluppa nei boschi di latifoglie e misti, nei prati, nei giardini e nei piazzali su ramoscelli marcescenti, residui legnosi, tronchi caduti e ceppi, su una lettiera di foglie cadute. Può crescere su legno interrato nel terreno. Forma piccole macchie.

Non ci sono dati affidabili, non c'è consenso.

Numerose fonti indicano che lo scarabeo stercorario è condizionatamente commestibile, così come lo scarabeo stercorario tremolante vicino ad esso, cioè solo i cappucci dei funghi giovani dovrebbero essere raccolti, è necessaria un'ebollizione preliminare da 5 a 15 minuti.

Diverse fonti lo classificano come una specie non commestibile.

Collocheremo con cura lo scarabeo stercorario nella categoria dei funghi non commestibili e chiederemo ai nostri lettori di non sperimentare su se stessi: lasciamo che lo facciano gli esperti. Inoltre, credetemi, non c'è niente di speciale da mangiare lì, e il gusto è così così.

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario di zucchero (Coprinellus saccharinus).

Scarabeo stercorario tremolante (Coprinellus micaceus)

Morfologicamente, lo scarabeo stercorario di zucchero non differisce molto dallo scarabeo stercorario tremolante, entrambe le specie crescono in condizioni simili. L'unica differenza è il colore delle squame sul cappello. In Flickering brillano come frammenti di madreperla, in Sugar sono semplicemente bianchi. A livello microscopico, C. saccharinus si distingue per l'assenza di calocistidi, la dimensione e la forma delle spore – ellissoidali o ovoidali, mitra meno pronunciata rispetto a Flicker.

Per un elenco completo di specie simili, "Flicker-Like Dung", vedere Flicker Dung.

Foto: Sergey.

Lascia un Commento