Foto e descrizione dello scarabeo stercorario dorato (Coprinellus xanthothrix).

Contenuti

Scarabeo stercorario dorato (Coprinellus xanthothrix)

Sistematici:
  • Divisione: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina (Agaricomycetes)
  • Classe: Agaricomiceti (Agaricomiceti)
  • Sottoclasse: Agaricomycetidae (Agaricomycetes)
  • Ordine: Agaricales (agarico o lamellare)
  • Famiglia: Psathyrellaceae (Psatyrellaceae)
  • Genere: Coprinellus
  • Tipo: Coprinellus xanthothrix (scarabeo stercorario dorato)
  • Coprinus xantothrix romano
  • Coprinellus xantotrix (ortografia)

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario dorato (Coprinellus xanthothrix).

Nome attuale: Coprinellus xanthothrix (Romagn.) Vilgalys, Hopple & Jacq. Johnson, Taxon 50 (1): 235 (2001)

La specie fu descritta per la prima volta nel 1941 da Henri Charles Louis Romagnesi con il nome di Coprinus xanthothrix. Come risultato di studi filogenetici condotti a cavallo tra il 2001 e il XX secolo, i micologi hanno stabilito la natura polifiletica del genere Coprinus e lo hanno diviso in diversi tipi. Il nome attuale, riconosciuto da Index Fungorum, è stato dato nel XNUMX.

capo: Nei giovani corpi fruttiferi fino a 40 x 35 mm, ovoidali, ellittici o quasi sferici. Nel processo di maturazione, il cappello si apre e acquisisce una forma conica e, infine, convessa con un diametro fino a 70 mm. La superficie del cappello è marrone chiaro o pallido ruggine al centro, più chiara e lucida verso i bordi. Coperto con piccoli resti soffici di un copriletto comune, al centro - brunastro, marrone e più vicino ai bordi - crema o ocra.

Layered: libero, largo 3–8 (fino a 10) mm, il numero di piastre complete (che arrivano allo stelo) è compreso tra 55 e 60, con piastre (l = 3–5). Dapprima sono biancastre, bianco crema, poi si scuriscono con le spore e diventano grigio-marroni, infine neri.

Posare: 4-10 cm di altezza, 0,4-1 cm di diametro, cilindrico con base ispessita a forma di clava, fibroso, cavo. La superficie dello stelo è bianca, alla base con macchie arrugginite.

Ozonio: c'è. Che cos'è "Ozonio" e come appare - nell'articolo Scarabeo stercorario fatto in casa.

Polpa: magro, fragile, biancastro, senza molto sapore e odore.

Impronta di polvere di spore: marrone scuro, nero.

Caratteristiche microscopiche

Споры 6,7–9,9 x 4,4–6,3 x 4,9–5,1 µm, ovati o ellissoidali, visti di lato, solo alcuni sono a forma di fagiolo. Sono marrone rossiccio e hanno una base e una punta arrotondate.

Pori eccentrici delle cellule germinali larghi 1,3 µm.

Bazidi 14–34 x 7–9 µm, 4 spore, circondate da 3–6 pseudoparafisi. Pleurocistidi 50-125 x 30-65 µm, quasi sferico, ellissoidale o quasi cilindrico.

Saprotrofo. Cresce singolarmente o in piccoli gruppi sui rami morti e caduti di alberi decidui, meno spesso sui tronchi.

In Europa, Coprinellus xanthothrix è ampiamente distribuito e probabilmente abbastanza comune, ma a causa delle difficoltà di identificazione può essere scambiato dai raccoglitori di funghi dilettanti per qualche altra specie più nota di scarabei stercorari.

Dà frutti dalla primavera, anche dall'inizio della primavera e fino al freddo.

Non ci sono dati affidabili, anche se, molto probabilmente, il fungo è commestibile in giovane età, come tutti gli scarabei stercorari simili.

Tuttavia, in giovane età, fino a quando il cappello non inizia a dispiegarsi, lo scarabeo stercorario dorato è molto simile allo scarabeo stercorario radiante - Coprinellus radians, che, secondo l'articolo "Rare Fungal Keratitis Caused by Coprinellus Radians" può causare cheratite fungina.

Metteremo con cura lo scarabeo stercorario d'oro nelle "Specie non commestibili" e consigliamo ai raccoglitori di funghi rispettati di ricordarsi di lavarsi le mani dopo il contatto con i funghi, soprattutto se improvvisamente vogliono grattarsi gli occhi.

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario dorato (Coprinellus xanthothrix).

Scarabeo stercorario (Coprinellus domesticus)

Si differenzia per i corpi fruttiferi piuttosto grandi e le squame lamellari bianche sulla superficie del cappello. Questi scarabei stercorari possono essere distinti in modo affidabile solo dall'esame microscopico.

Per un elenco di piccoli scarabei stercorari con ozonio, vedere l'articolo Scarabeo stercorario.

Lascia un Commento