Foto e descrizione dello scarabeo stercorario del salice (Coprinellus truncorum).

Contenuti

Scarabeo stercorario del salice (Coprinellus truncorum)

Sistematici:
  • Divisione: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina (Agaricomycetes)
  • Classe: Agaricomiceti (Agaricomiceti)
  • Sottoclasse: Agaricomycetidae (Agaricomycetes)
  • Ordine: Agaricales (agarico o lamellare)
  • Famiglia: Psathyrellaceae (Psatyrellaceae)
  • Genere: Coprinellus
  • Tipo: Coprinellus truncorum (scarabeo stercorario del salice)
  • Tronchi di agarico Scop.
  • Un mucchio di tronchi (Scope.)
  • Coprinus micaceus sensu Lungo
  • Agarico acquoso Hud.
  • Agaricus succinius Batsch
  • Coprinus tronchi var. eccentrico
  • Coprinus baliocephalus Bogart
  • Pelle granulata Bogart

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario del salice (Coprinellus truncorum).

Nome attuale: Coprinellus truncorum (Scop.) Redhead, Vilgalys & Moncalvo, Taxon 50 (1): 235 (2001)

La situazione con questo scarabeo stercorario non era facile.

Studi sul DNA citati da Kuo (Michael Kuo) nel 2001 e nel 2004 hanno mostrato che Coprinellus micaceus e Coprinellus truncorum (scarabeo stercorario di salice) possono essere geneticamente identici. Così, per il continente nordamericano, Coprinellus truncorum = Coprinellus micaceus, e la loro descrizione è “uno per due”. Questo è piuttosto strano, perché lo stesso Kuo dà diverse dimensioni delle spore per queste due specie.

In ogni caso in America, Index Fungorum e MycoBank non sono sinonimi di queste specie.

Il Coprinellus truncorum fu descritto per la prima volta nel 1772 da Giovanni Antonio Scopoli come Agaricus truncorum Bull. Nel 1838 Elias Fries lo trasferì al genere Coprinus e nel 2001 al genere Coprinellus.

capo: 1-5 cm, fino ad un massimo di 7 cm aperto. Magro, dapprima ellittico, ovoidale, poi campanulato, in funghi vecchi o essiccati – quasi prostrato. La superficie del cappello è radialmente fibrosa, con irregolarità e rughe. La buccia è bianco-brunastra, giallo-bruno, leggermente più scura al centro, ricoperta da una patina bianca, non lucida, a grana fine. Con l'età diventa nudo, poiché la placca (resti di una comune coperta) viene lavata via dalla pioggia e dalla rugiada, spruzzata. La carne nel cappello è sottile, attraverso di essa compaiono placche, tanto che anche gli esemplari molto giovani hanno un cappello tutto in "rughe" e pieghe, sono più pronunciate delle cicatrici del luccicante scarabeo stercorario.

piastre: libero, frequente, con piatti, numero di piatti pieni 55-60, larghezza 3-8 mm. Bianco, biancastro negli esemplari giovani, grigio-bruno con l'età, poi annerisce e si dissolve rapidamente.

Posare: altezza 4–10, anche fino a 12 cm, spessore 2–7 mm. Cilindrico, cavo all'interno, ispessito alla base, può presentare un ispessimento anulare inespresso. La superficie è setosa al tatto, liscia o ricoperta da fibre molto sottili, biancastra nei funghi giovani.

Ozonio: mancante. Che cos'è "Ozonio" e come appare - nell'articolo Scarabeo stercorario fatto in casa.

Polpa: bianco, biancastro, friabile, fibroso nel gambo.

Impronta di polvere di spore: il nero.

Споры 6,7-9,3 x 4,7-6,4 (7) x 4,2-5,6 µm, ellissoidale o ovata, con base e apice arrotondati, bruno rossastri. Il poro centrale della cellula germinale è largo 1.0–1.3 µm.

Lo scarabeo stercorario del salice è ovviamente un fungo condizionatamente commestibile, proprio come il suo fratello gemello, lo scarabeo stercorario luccicante.

Dovrebbero essere raccolti solo cappelli giovani, si consiglia l'ebollizione preliminare, almeno 5 minuti.

Cresce dalla tarda primavera all'autunno, nei boschi, nei parchi, nelle piazze, nei pascoli e nei cimiteri, su alberi in decomposizione, ceppi e vicino ad essi, soprattutto su pioppi e salici, ma non disdegna altri alberi a foglie caduche. Può crescere in un terreno ricco di sostanze organiche.

Vista rara. O, più probabilmente, la maggior parte dei raccoglitori di funghi dilettanti lo scambiano per Glimmer Dung.

Si trova principalmente in Europa e Nord America. Al di fuori di questi continenti, sono stati registrati solo i margini meridionali dell'Argentina e dell'Australia sudoccidentale.

Nella letteratura scientifica della Polonia sono descritti molti reperti confermati.

Foto e descrizione dello scarabeo stercorario del salice (Coprinellus truncorum).

Scarabeo stercorario tremolante (Coprinellus micaceus)

Secondo alcuni autori Coprinellus truncorum e Coprinellus micaceus sono così simili da non essere specie separate, ma sinonimi. Secondo le descrizioni, differiscono solo per dettagli strutturali minori dei cistidi. I risultati preliminari dei test genetici non hanno mostrato differenze genetiche tra queste specie. Un macro-segno inaffidabile: nel luccicante scarabeo stercorario le particelle sul cappello sembrano frammenti lucidi di madreperla o perle, mentre nel salice ape stercorario sono semplicemente bianche, senza lucentezza. E lo scarabeo stercorario di salice ha un cappello leggermente più "piegato" di quello luccicante.

Per un elenco completo di specie simili, vedere l'articolo Scarabeo stercorario tremolante.

Lascia un Commento