Cosa ci fa pensare costantemente al peggio e ricontrollare tutto?

Contenuti

Sei mai tornato a casa per assicurarti che il ferro fosse davvero spento? O leggere la lettera molte volte prima di decidere di inviarla? Perché l'ansia costante ci fa immaginare dolorosamente lo scenario peggiore e come ripristinare la fiducia nella persona più importante della nostra vita: noi stessi, sostengono i nostri esperti.

Ricordate il film “Non c'è niente di meglio” e il personaggio di Jack Nicholson, che ha una paura maniacale di essere contagiato e quindi si lava costantemente le mani in acqua calda, evita di farsi toccare da estranei e mangia esclusivamente con utensili usa e getta? "È così che si manifesta il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)", spiega la psicologa Marina Myaus. – I pensieri ossessivi o le immagini del peggio che può capitarci sono ossessioni, e le azioni ripetitive che, come nel caso di un personaggio di un film, non hanno alcun significato, sono compulsioni. Non importa quanto una persona voglia liberarsene, non ci riesce, perché questo è l'unico modo in cui allevia l'ansia costante che è diventata a lungo lo sfondo della sua vita.

Ci calmiamo non perché siamo convinti che la caffettiera condizionale sia spenta – ma perché, tornando a casa, abbiamo eseguito ancora una volta il rituale di routine dello scarico psicologico. Perché scegliamo un modo così strano per calmarci?

In infinite fantasie ossessive, mettono in scena tutti quei sentimenti ed emozioni dolorose che non sanno come mostrare altrimenti.

"Sebbene non ci siano ancora prove inequivocabili sull'origine di questo disturbo, la teoria psicoanalitica ci rimanda all'infanzia di una persona, quando sua madre lo lodava solo quando era un bambino obbediente e a suo agio", spiega lo psicologo. “Nel frattempo, i bambini hanno impulsi naturali di rabbia, odio e aggressività. Se la madre li rimprovera solo per loro, non aiuta a realizzare i loro sentimenti e ad affrontarli, il bambino impara a costringerli ad uscire. Nell'età adulta, una persona nasconde le sue fantasie e desideri proibiti, come gli sembra, nell'ossessione o nella compulsione, cerca di essere buona per tutti in modo da non essere rifiutata.

"Nella vita, non sono affatto una persona aggressiva, ma ero tormentato dagli stessi strani pensieri", ricorda Oleg. – Al lavoro, sembrava che ora avrei urlato contro un collega, in negozio, parlando con il venditore, ho improvvisamente immaginato come stavo iniziando a picchiarlo. Anche se in realtà non ho fatto del male a nessuno, mi sono sentito in imbarazzo a interagire con le persone”.

"Queste persone hanno una sfera emotiva congelata", commenta Marina Myaus, "e in infinite fantasie ossessive perdono tutti quei sentimenti e quelle emozioni dolorose che non possono esprimere altrimenti".

Insidie ​​del DOC

Le paure più tipiche delle persone con DOC sono legate alla possibilità di infezione, perdita della salute e morte imminente. Una persona si preoccupa costantemente di se stessa o dei propri cari, ama la magia dei numeri e crede nei presagi. "Quasi tutti gli oggetti intorno a me a un certo punto possono sembrarmi pericolosi", ammette Arina. “Spesso inizio a contare le vetrine nelle case di una strada sconosciuta e mi dico che se esce un numero dispari prima della fine della strada, tutto andrà bene. Quando il numero è pari, mi spaventa così tanto che posso tornare indietro e ricominciare a contare.

"Ho costantemente paura di allagare i miei vicini o di appiccare un incendio in casa e la gente morirà per colpa mia, quindi torno spesso a controllare il rubinetto e i fornelli", dice Anna. “A una persona sembra che sarà deluso dai numeri, dai tubi o dagli elettrodomestici, ma in realtà è la paura che i sentimenti trattenuti esplodano e si manifestino, spesso quelli che possono essere difficili da ammettere a se stessi, " dice Marina Myaus.

 

Aspirazioni abbastanza sane possono rivelarsi solo una copertura e un tentativo sotto le spoglie di un'attività vigorosa per allontanarsi dall'ansia.

Insieme ai rituali strani per l'ambiente, che le persone spesso cercano di non pubblicizzare, ci sono molte ossessioni mascherate e, a prima vista, socialmente accettabili.

 

“Ad esempio, una ragazza vuole sposarsi e parla molto di siti di incontri e appuntamenti. L'uomo cerca di aprire un'attività e va costantemente a corsi di formazione. Queste aspirazioni abbastanza salutari, a prima vista, possono in alcuni casi rivelarsi solo una copertura e un tentativo di allontanarsi dall'ansia con il pretesto di un'attività vigorosa, – Marina Myaus è certa. – Puoi controllarlo solo dal risultato. Se, cinque anni dopo, una ragazza parla ancora di matrimonio, ma non è pronta a costruire relazioni con nessuno, e un uomo, dopo aver scritto un piano aziendale, si rifiuta di implementarlo e passa rapidamente all'idea successiva, allora con un alto grado di probabilità dietro a questo ci sono solo problemi dolorosi. ossessioni”.

Come sbarazzarsi delle ossessioni?

"È importante dare a una persona l'opportunità di vedere l'irrazionalità delle sue paure", afferma la terapeuta cognitiva Olga Sadovskaya. “Insegnagli ad affrontarli faccia a faccia, a sopportare, a non evitare. La tecnica dell'esposizione aiuta molto in questo, cioè l'immersione nella paura, quando si cerca di massimizzare lo stato di ansia, mentre la persona si astiene dalle sue azioni abituali. Raggiunto il picco, l'ansia si attenua gradualmente.

"Quando il terapeuta mi ha suggerito questo esercizio, ho pensato che sarebbe solo peggiorato per me", ricorda Alice. “Tuttavia, pensando ancora una volta che non avevo chiuso a chiave la porta e che dovevo tornare, mi sono trattenuto e non l'ho fatto. Era quasi insopportabile: il mio adorato gatto è rimasto a casa, mi sembrava che qualcuno potesse irrompere nell'appartamento e farle del male. Questi pensieri mi hanno fatto letteralmente rabbrividire. Ma più immaginavo tutto ciò che poteva succedere, più luminoso e dettagliato, più stranamente diventava più facile per me. A poco a poco i pensieri negativi si sono dissolti”.

 

Non cercare di avere sempre ragione, concediti ciò che potrebbe essere stato proibito durante l'infanzia: essere diverso.

Le persone con disturbo ossessivo compulsivo, di regola, vivono in una struttura molto rigida, una specie di scatola emotiva. Quindi è importante iniziare ascoltando te stesso. "Se sei caratterizzato dai sintomi di questo disturbo, analizza quanto tendi a trattenerti quando comunichi con le persone o valuti gli eventi", suggerisce Olga Sadovskaya. Cerca di essere più sincero con te stesso e con ciò che ti circonda. Per fare questo, è utile tenere un diario dei sentimenti, descrivendo ogni giorno episodi di comunicazione in esso contenuti e confrontando i tuoi veri sentimenti con parole e azioni nella realtà.

Non cercare di avere sempre ragione, concediti ciò che potrebbe essere stato proibito durante l'infanzia: essere diverso.

Lascia un Commento