Un tatuaggio aiuta a guarire un trauma psicologico?

Contenuti

In che modo un tatuaggio aiuta nella terapia del trauma? Cosa significa un punto e virgola sul polso di una persona? Spesso un tatuaggio è molto più di una semplice forma di espressione personale. Parliamo delle direzioni dell'arteterapia associate ai disegni sul corpo.

I tatuaggi possono avere un significato completamente diverso. Fin dall'antichità sono stati un accessorio e una sorta di "codice" di vari gruppi sociali, dagli artisti circensi ai motociclisti e ai musicisti rock, e per alcuni questo è un altro modo di esprimersi. Ma ci sono quelli per i quali i disegni sul corpo sono una sorta di terapia che aiuta a guarire e riprendersi da un passato traumatico.

“Una persona si fa un tatuaggio per raccontare una storia. Collo, dito, caviglia, viso... Noi umani raccontiamo le nostre storie qui da secoli", scrive Robert Barkman, professore emerito allo Springfield College.

“Procedura di guarigione”

Il tatuaggio permanente sulla pelle è un'arte antica e la persona più antica conosciuta con un tatuaggio visse oltre 5000 anni fa. A causa del fatto che è morto sulle Alpi ed è finito nel ghiaccio, la sua mummia è ben conservata, comprese le linee tatuate applicate sulla pelle.

È difficile indovinare il loro significato, ma, secondo una versione, era qualcosa di simile all'agopuntura: in questo modo, l'uomo di ghiaccio Yeqi è stato curato per la degenerazione delle articolazioni e della colonna vertebrale. Ad oggi, il tatuaggio continua ad avere un effetto curativo, aiutando, forse, a guarire l'anima.

I tatuaggi sono molto personali.

La maggior parte delle persone li riempie per raccontare la loro storia di dolore, trionfo o ostacoli che hanno dovuto affrontare e superare nelle loro vite. I tatuaggi a forma di punto e virgola, stelle e piume parlano di difficoltà passate, speranze per il futuro e libertà di scelta.

“Amato dalla maggior parte delle persone, la stella in miniatura significa verità, spiritualità e speranza, e in alcuni casi parla di fede. Come tutti sappiamo, le stelle irradiano luce nello spazio, nell'oscurità infinita. Sembra che conducano il loro proprietario lungo percorsi sconosciuti. Hanno tutto ciò di cui le persone hanno bisogno e quindi sono diventati un argomento così preferito per i tatuaggi ", ha affermato Barkman.

Scegliere la vita

Alcuni tatuaggi portano molto più di quanto sembri. Un simbolo in miniatura – un punto e virgola – può parlare di una situazione grave nella vita di una persona e della difficoltà della scelta che deve affrontare. "Questa punteggiatura segna una pausa, di solito tra due frasi principali", ricorda Barkman. – Tale pausa è più significativa di quella data da una virgola. Cioè, l'autore avrebbe potuto decidere di finire la frase, ma ha scelto di prendersi una pausa e poi scrivere un seguito. Per analogia, un punto e virgola come simbolo del tatuaggio parla di una pausa nella vita di qualcuno che voleva suicidarsi.

Invece di suicidarsi, le persone hanno scelto la vita – e un tatuaggio del genere parla della loro scelta, che è sempre possibile iniziare un nuovo capitolo.

Puoi sempre credere nel cambiamento, anche quando sembra che semplicemente non ci sia nessun posto a cui rivolgersi. Quindi un piccolo tatuaggio è diventato un simbolo globale del fatto che una persona può concedersi una pausa nella vita, ma non metterla fine. È stata questa idea a costituire la base di uno dei progetti Internet internazionali.

Con la convinzione che il suicidio sia fondamentalmente inaccettabile, il Progetto Punto e virgola, creato nel 2013, contribuisce a ridurre il numero dei suicidi nel mondo. Il progetto riunisce le persone in una comunità internazionale e fornisce loro l'accesso a informazioni importanti e risorse utili.

Gli organizzatori ritengono che il suicidio sia prevenibile e che ogni persona sul pianeta sia collettivamente responsabile di prevenirlo. Il movimento mira a riunire le persone – per ispirarsi a vicenda con energia e fede che tutti possiamo superare gli ostacoli che dobbiamo affrontare, non importa quanto grandi o piccoli siano. I tatuaggi punto e virgola vengono talvolta applicati anche in memoria dei propri cari che si sono suicidati.

 

"Anchor" - un promemoria dell'importante

In altri casi, il fatto stesso di farsi un tatuaggio può significare un nuovo capitolo nella storia personale di una persona. Ad esempio, una delle costose cliniche di riabilitazione di Chiang Mai (Thailandia) consiglia a coloro che hanno completato un corso di recupero completo di farsi un tatuaggio, come simbolo e promemoria costante per sbarazzarsi di una pericolosa dipendenza. Tale "ancora" aiuta una persona ad assegnare la vittoria sulla malattia. Essere costantemente sul corpo, ricorda quanto sia importante fermarsi e trattenersi in un momento pericoloso.

 

Progetto Luna Nuova

Un altro progetto di arteterapia che utilizza i tatuaggi aiuta le persone a scrivere letteralmente una nuova pagina sul corpo dopo le vecchie ferite. Il famoso specialista in traumi Robert Muller, professore di psicologia all'Università di York, parla della sua studentessa, Victoria, che si è autolesionata in gioventù.

"Sembra che abbia avuto problemi di equilibrio mentale per tutta la vita", ammette. “Fin da bambino, mi sentivo spesso triste e mi nascondevo dalle persone. Ricordo che un tale desiderio e odio per me stesso si riversarono su di me che sembrava semplicemente necessario liberarlo in qualche modo.

Dall'età di 12 anni, Victoria iniziò a farsi del male. L'autolesionismo, scrive Muller, può assumere molte forme, come tagli, ustioni, graffi o qualcos'altro. Ci sono un bel po' di queste persone. E la maggioranza, crescendo e cambiando vita e atteggiamenti nei confronti del proprio corpo, vorrebbe chiudere le cicatrici come tracce di un passato spiacevole.

 

L'artista Nikolai Pandelides ha lavorato come tatuatore per tre anni. In un'intervista a The Trauma and Mental Health Report, condivide la sua esperienza. Le persone con problemi personali si rivolgevano sempre più a lui per chiedere aiuto e Nikolai si rese conto che era ora di fare qualcosa per loro: “Tanti clienti sono venuti da me per i tatuaggi per mascherare le cicatrici. Mi sono reso conto che c'è bisogno di questo, che dovrebbe esserci uno spazio sicuro in cui le persone possano sentirsi a proprio agio e poter parlare di quello che è successo loro se lo desiderano".

È stato allora a maggio 2018 che è apparso il Project New Moon, un servizio di tatuaggi senza scopo di lucro per le persone che hanno cicatrici da autolesionismo. Nikolay riceve feedback positivi da persone provenienti da tutto il mondo, il che indica la domanda per un progetto del genere. All'inizio l'artista pagava le spese di tasca propria, ma ora, quando sempre più persone vogliono venire a chiedere aiuto, il progetto cerca finanziamenti attraverso una piattaforma di crowdfunding.

Sfortunatamente, il tema dell'autolesionismo porta uno stigma per molti. In particolare, le persone percepiscono tali cicatrici con condanna e trattano male chi le indossa. Nikolay ha clienti con una storia simile a quella di Victoria. Lottando con sentimenti insopportabili, si sono autolesionati durante l'adolescenza.

Anni dopo, queste persone vengono a farsi tatuaggi che nascondono cicatrici.

Una donna spiega: “Ci sono molti pregiudizi su questo argomento. Molte persone vedono le persone nella nostra situazione e pensano che stiamo solo cercando attenzioni, e questo è un problema enorme, perché poi non riceviamo l'aiuto necessario…”

Le ragioni per cui le persone scelgono di farsi del male sono complesse e possono essere difficili da capire, scrive Robert Mueller. Tuttavia, si crede comunemente che tale comportamento sia un modo per rilasciare o distrarre dal dolore e dalla rabbia emotivi opprimenti, o per "riprendere un senso di controllo".

La cliente di Nikolai dice che si rammarica profondamente e si pente di quello che ha fatto a se stessa: "Voglio farmi un tatuaggio per nascondere le mie cicatrici, perché provo profonda vergogna e senso di colpa per quello che ho fatto a me stessa... Quando invecchio, guardo le loro cicatrici con imbarazzo. Ho cercato di mascherarli con dei braccialetti, ma i braccialetti hanno dovuto essere rimossi e le cicatrici sono rimaste sulle mie mani.

La donna spiega che il suo tatuaggio simboleggia la crescita e il cambiamento in meglio, l'ha aiutata a perdonare se stessa e serve a ricordare che, nonostante tutto il dolore, una donna può ancora trasformare la sua vita in qualcosa di bello. Per molti, questo è vero, ad esempio, persone con background diversi vengono a Nikolai: qualcuno soffriva di dipendenza da sostanze e tracce di tempi bui sono rimaste nelle loro mani.

Trasformare le cicatrici in splendidi motivi sulla pelle aiuta le persone a liberarsi dei sentimenti di vergogna e impotenza

Inoltre, ti permette di sentire il controllo sul tuo corpo e sulla vita in generale, e persino di prevenire l'autolesionismo in caso di recidiva degli attacchi della malattia. "Penso che parte di quella guarigione sia anche sentirsi ugualmente belli, ringiovaniti dentro e fuori", commenta l'artista.

Al pastore inglese John Watson, che a cavallo tra il XIX e il XIX secolo pubblicò sotto lo pseudonimo di Ian MacLaren, è attribuita la citazione: "Sii misericordioso, perché ogni uomo combatte una battaglia in salita". Quando incontriamo qualcuno con uno schema sulla sua pelle, non possiamo giudicare e non sempre sappiamo di quale capitolo della vita si sta parlando. Forse dovremmo ricordare che ogni tatuaggio può nascondere esperienze umane vicine a tutti noi: disperazione e speranza, dolore e gioia, rabbia e amore.

Lascia un Commento