Reti di discordia: cosa ci aspettiamo dagli psicologi su Internet?

Contenuti

Scegliendo uno psicologo, studiamo attentamente le sue pagine sui social network. È importante per qualcuno che uno specialista sia congeniale. Qualcuno sta cercando un professionista che non parli affatto del personale. Sul fatto che sia possibile accontentare tutti allo stesso tempo, sostengono gli stessi esperti.

Cercando di scegliere lo specialista giusto, spesso prestiamo attenzione a come si posiziona nei social network. Alcuni sono attratti dagli psicologi che parlano candidamente e felicemente delle loro vite. E qualcuno, al contrario, diffida di queste persone, preferendo lavorare con un terapeuta che non gestisce né Instagram né Facebook.

Nei gruppi di clienti che hanno sofferto di professionisti senza scrupoli, spesso discutono se uno psicologo (che, in effetti, è la stessa persona di tutti noi) ha il diritto di condividere foto di famiglia, una ricetta per una torta preferita o una nuova canzone di un artista preferito sui social network. Abbiamo deciso di scoprire cosa ne pensano i nostri esperti: la psicologa Anastasia Dolganova e la specialista in terapia a breve termine orientata alla soluzione, la psicologa Anna Reznikova.

Luce nella finestra

Perché spesso guardiamo allo psicologo come a un essere celeste? Forse questo è solo una parte dello sviluppo della scienza: alcuni secoli fa, un medico che poteva unire ossa o estrarre un dente era considerato un mago. E anche un po' di paura. Oggi, da un lato, siamo meno sorpresi dai miracoli della medicina, dall'altro ci affidiamo completamente agli specialisti, ritenendo che siano loro i responsabili del nostro benessere.

“Dalla percezione dello psicoterapeuta come mago cattivo o buono, siamo arrivati ​​alla percezione dello psicoterapeuta come un colosso, un ideale su cui fare affidamento sulla propria fragile vita”, spiega Anastasia Dolganova. – Il bisogno del cliente per questo è tanto grande quanto l'incapacità di psicologi e psicoterapeuti di soddisfare questi desideri...

Al di fuori della professione, c'è un'intera mitologia su ciò che uno psicoterapeuta dovrebbe e non dovrebbe essere, sia come specialista che come persona. Ad esempio: puoi dirgli tutto e accetterà tutto, perché è un terapeuta. Non deve essere arrabbiato con me, non deve essere scortese, non deve annoiarsi con me. Non dovrebbe parlare di se stesso, non dovrebbe ingrassare, ammalarsi o divorziare. Non può andare in vacanza se sono malato. Non può essere contrario al fatto che prendo un consulto con un altro specialista. Gli dovrebbero piacere tutti i miei sentimenti e le mie decisioni – e così via.

La psicoterapia è prima di tutto un lavoro. Questa non è una vita ideale e non è una persona ideale. Questo è un duro lavoro

A volte siamo delusi in uno psicologo da cose del tutto inaspettate – e tutt'altro che tutte si riferiscono, in effetti, al lavoro. Ad esempio, un cliente rifiuta di lavorare con un terapeuta perché è “antisportivo” e un cliente interrompe le riunioni dopo tre sedute perché lo studio dello specialista non è in perfetto ordine. Ognuno ha diritto alle proprie idee sulla bellezza, ma anche uno specialista non può sempre prevedere cosa esattamente diventerà un fattore scatenante per un cliente. Ed entrambi possono farsi male in questa situazione, e molto seriamente.

Ma anche il fascino dovrebbe essere maneggiato con estrema cautela. Succede che gli utenti dei social network siano così affascinati dalle foto di uno psicologo su una gara motociclistica, in compagnia della loro amata nonna o dei gatti, che vogliono arrivare a lui e solo a lui. Cosa segnala allo psicologo questo approccio del cliente?

“Se un cliente sceglie un terapeuta in base al fatto che scrive ancora della sua vita personale, sarebbe bene parlarne in seduta. Di solito, questo approccio nasconde molte fantasie e persino dolori del cliente, che possono essere discussi", afferma Anna Reznikova.

 

Anastasia Dolganova ricorda: “Probabilmente una delle idee meno comprese, sia dagli psicologi stessi che dai loro clienti, è che la psicoterapia sia, in effetti, principalmente un lavoro. Questa non è una vita ideale e non è una persona ideale. Questo è un lavoro difficile e un alone romantico o demoniaco interferisce solo con esso.

Sapere o non sapere – questo è il dilemma!

Alcuni potenziali clienti valutano uno specialista in base alla sua franchezza su Internet. Che tipo di sensazioni prova qualcuno che fondamentalmente non vuole sapere nulla di uno specialista come persona e sceglie uno psicologo secondo il principio “se non sei su Facebook, significa che sei sicuramente un buon professionista”?

“Non voglio sapere niente di te” significa “voglio che tu sia un ideale”, spiega Anastasia Dolganova. — Anche gli psicoanalisti, per i quali l'assenza di rivelazione di sé è stata a lungo una parte essenziale della tecnica professionale, ora non trattano questo principio in modo categorico. Una persona mentalmente e psicologicamente sana è in grado di tollerare un'altra persona accanto a sé senza idealizzarla – e questo fa parte della crescita e dello sviluppo, i compiti che ogni psicoterapia profonda perseguirà.

 

Il lavoro è solo una parte della personalità. Dietro ogni specialista ci sono superamenti ed esperienze, errori e vittorie, dolore e gioia. Può davvero amare le commedie stravaganti, l'infeltrimento e la pesca sul ghiaccio. E scrivi anche su di esso. Quindi dovresti iscriverti agli aggiornamenti del tuo terapeuta? La decisione, come al solito, è nostra.

“Non voglio sapere nulla del mio specialista, così come non voglio che sappia qualcosa di personale su di me”

 

"Una persona potrebbe non voler avere informazioni intime sul proprio terapeuta, così come potrebbe non voler avere tali informazioni su nessun'altra persona fino a quando non è giustificata dalla relazione", spiega Anastasia Dolganova. "Quindi questa non è una regola esclusiva per il terapeuta e il cliente, ma la cortesia umana universale e il rispetto per l'altro".

Come affrontano questo problema gli psicologi? E perché fanno determinate scelte?

"Non mi iscrivo al mio terapeuta sui social network, perché per me si tratta di confini: il mio e un'altra persona", commenta Anna Reznikova. “Altrimenti, potrei avere delle fantasie che interferiranno con il nostro lavoro. Questa non è paura o svalutazione: abbiamo un rapporto di lavoro. Molto buono, ma funziona comunque. E sotto questi aspetti, non voglio sapere nulla del mio specialista, così come non voglio che sappia qualcosa di personale su di me. In fondo forse sono tutt'altro che pronto a dirgli tutto…”

Rischi e conseguenze

L'estrema franchezza può essere accattivante. E in generale i social servono solo per mostrarsi non solo come specialista, ma anche come persona viva. Altrimenti, perché sono assolutamente necessari, giusto? Non proprio.

"Ho incontrato opinioni su Internet del tipo: "Persone, non ho studiato psicologia e non ho fatto terapia personale per limitarmi ora!" Posso capirlo, ma per tale franchezza, oltre alla spavalderia e alla protesta, abbiamo bisogno almeno di un sistema ben formato e stabile di supporto esterno e autosostegno”, è certa Anastasia Dolganova. "E anche consapevolezza, criticità rispetto a ciò che scrivi e capacità di prevedere la risposta".

Cosa rischia esattamente uno psicoterapeuta che racconta eventi e caratteristiche della sua vita personale sui social network? Innanzitutto un contatto onesto e chiaro con il cliente.

"La psicoanalista Nancy McWilliams ha scritto: "I pazienti percepiscono le rivelazioni di uno psicoterapeuta come un'inversione di ruolo spaventosa, come se il terapeuta confessasse al paziente nella speranza che lo calmi", viene citata Anna Reznikova. – Cioè, il centro dell'attenzione si sposta dal cliente al terapeuta, e in questo modo cambiano posto. E la psicoterapia prevede una netta divisione dei ruoli: ha un cliente e uno specialista. E quella chiarezza offre ai clienti uno spazio sicuro per esplorare i propri sentimenti".

Inoltre, possiamo giudicare in anticipo la competenza di uno specialista, non sempre notando la differenza tra lui come professionista e come persona semplice.

"Se il cliente è consapevole delle peculiarità della vita personale del terapeuta: ad esempio, che non ha figli o è divorziato, allora potrebbe non voler discutere di problemi simili con uno specialista", avverte Anna Reznikova. – La logica è più o meno questa: “Sì, cosa può sapere anche se lui stesso non ha partorito / divorziato / cambiato?"

Vale la pena mantenere un occhio critico, non solo sugli altri, ma anche su te stesso.

Ma ci sono anche problemi di sicurezza. Purtroppo, storie come la tragedia del protagonista del film “Il sesto senso” non si trovano solo sullo schermo.

“Non sai mai cosa c'è nella mente del tuo cliente o dei suoi parenti. In uno dei gruppi, i colleghi hanno raccontato una storia: una ragazza è andata a lungo da uno psicologo e, naturalmente, in lei sono avvenuti dei cambiamenti. E a suo marito non è piaciuto. Di conseguenza, ha trovato uno specialista e ha iniziato a minacciare i suoi genitori ", afferma Anna Reznikova.

In generale, tutto può succedere e, in ogni caso, vale la pena mantenere uno sguardo critico, non solo su chi ti circonda, ma anche su te stesso. E per lo specialista, questo è forse più importante che per il cliente. Ci sono materiali che uno specialista non dovrebbe assolutamente caricare sui propri social network? Cosa e come non scrivono gli stessi psicologi sulle loro pagine?

"Tutto qui è molto individuale e dipende dalla direzione a cui aderisce il terapeuta, nonché dagli standard etici che gli sono vicini personalmente", afferma Anna Reznikova. — Non pubblico le immagini dei miei cari, le mie foto delle feste o in abiti inappropriati, non uso giri di parole "colloquiali" nei commenti. Scrivo storie di vita, ma questo è un materiale molto riciclato. Lo scopo dei miei post non è raccontare me stesso, ma trasmettere al lettore le idee che sono importanti per me".

"Non pubblicherei alcuna informazione che considero intima sul Web", condivide Anastasia Dolganova. “Non lo faccio per ragioni di confini e di sicurezza. Più riveli di te stesso, più sei vulnerabile. E ignorare questo fatto nello stile di "ma lo farò comunque, perché lo voglio" è ingenuo. I terapeuti principianti sono solitamente impegnati in storie franche su se stessi. I terapeuti esperti e ricercati tendono ad essere più riservati. Rivelano solo cose su se stessi che possono gestire con critiche in caso di feedback negativo".

Persona o funzione?

Ci rivolgiamo a uno psicoterapeuta come professionista, ma ogni professionista è prima di tutto una persona. Comprensibile o no, ci piaccia o no, con un simile senso dell'umorismo o per niente – ma la psicoterapia è possibile anche senza mostrare il suo lato “umano” al cliente?

“La risposta dipende dal tipo e dalla durata della terapia”, spiega Anastasia Dolganova. – Non sempre i compiti che il cliente assegna al terapeuta richiedono la costruzione di buone relazioni all'interno di questo processo. Alcuni dei lavori sono piuttosto tecnici. Ma le richieste che implicano profondi cambiamenti personali o l'instaurazione di una sfera comunicativa o relazionale richiedono un'indagine sui fenomeni emotivi e comportamentali che si manifestano tra il terapeuta e il cliente durante il loro lavoro congiunto. In una tale situazione, la rivelazione di sé del terapeuta e le reazioni del cliente ad essa diventano uno degli elementi importanti dello sviluppo.

Gli utenti dei forum e delle pagine pubbliche dedicate al lavoro degli psicologi a volte scrivono: "Uno specialista per me non è affatto una persona, non dovrebbe parlare di sé e deve concentrarsi esclusivamente su di me e sui miei problemi". Ma non riduciamo, in questi casi, la personalità di colui al quale ci affidiamo unicamente a una funzione? E possiamo dire che questo è sicuramente un male o un bene?

Un terapeuta esperto è perfettamente in grado di sperimentare l'essere percepito come una funzione.

"Non è sempre una brutta cosa trattare un terapeuta come una funzione", afferma Anastasia Dolganova. – In alcuni casi, questa visione consente di risparmiare tempo ed energia sia per il cliente che per lo psicologo. Il terapeuta, che ha già superato la fase “Voglio essere la migliore amica e una buona madre per tutti” nel suo sviluppo, tratta questi casi, probabilmente anche con un certo sollievo. Pensa a se stesso qualcosa del tipo: “OK, questo sarà un processo semplice, comprensibile e tecnico per alcuni mesi. So cosa fare, sarà un buon lavoro”.

Anche se un professionista si comporta in modo impeccabile, non può fare a meno di reagire al fatto che il cliente vede in lui una serie di opzioni. Gli specialisti sono sconvolti quando scoprono che possono essere solo un "simulatore"? Chiediamo loro!

"Un terapeuta esperto è perfettamente in grado di sperimentare di essere percepito come una funzione", ne è certa Anastasia Dolganova. – Se interferisce con il lavoro, sa cosa farne. Se questo rovina la sua vita personalmente, ha un supervisore che lo aiuterà a far fronte a questi sentimenti. Penso che ritrarre il terapeuta come ipersensibile sia solo l'altro estremo del ritrarlo come solo funzionale".

"Se lo psicologo è sconvolto dal fatto che il cliente lo tratti in un modo o nell'altro, questo è un motivo in più per ricorrere alla supervisione e alla terapia personale", concorda Anna Reznikova. Non sarai gentile con tutti. Ma se il cliente è già venuto da te, significa che si fida di te come specialista. E questa fiducia è più importante di come ti tratta. Se c'è fiducia, il lavoro congiunto sarà efficace".

Dammi un libro dei reclami!

Possiamo lamentarci di questo o quel terapeuta, concentrandoci sul codice etico dell'organizzazione o associazione con cui collabora. Tuttavia, non esiste un documento comune approvato per tutti gli psicologi che definisca la norma nel rapporto tra terapeuta e cliente nel nostro Paese.

“Ora molte persone bisognose di aiuto finiscono con vari sfortunati specialisti. Dopo aver comunicato con loro, i clienti sono delusi dalla terapia o si riprendono a lungo, afferma Anna Reznikova. – E quindi è semplicemente necessario un codice etico, che indichi in dettaglio cosa si può fare e cosa non si può fare. Purtroppo non tutti possono essere guidati dal buon senso: sempre più spesso possiamo incontrare “specialisti” che non hanno una formazione di base, orari adeguati di terapia personale, supervisione”.

E poiché non esiste un'unica "legge" vincolante per tutti, noi clienti utilizziamo la leva di influenza a noi più accessibile se non riusciamo a trovare giustizia per uno specialista incompetente: lasciamo le nostre recensioni su vari siti del Ragnatela. Da un lato, Internet amplia notevolmente i confini della libertà di parola. D'altra parte, dà anche spazio alla manipolazione: nelle comunità in cui è consuetudine lasciare recensioni sugli psicologi, molto spesso possiamo ascoltare solo una parte, quella che ha il diritto di parlare di ciò che è successo. E ultimamente non solo i guru senza diplomi sono stati “in distribuzione”…

"Negli ultimi tre anni, il contesto del lavoro delle commissioni etiche è cambiato radicalmente", spiega Anastasia Dolganova. “Mentre in precedenza si occupavano principalmente di casi davvero eclatanti di sfruttamento e abuso di clienti da parte di non professionisti, ora la cultura delle denunce pubbliche ha creato una situazione in cui i membri di tali commissioni devono passare la maggior parte del loro tempo a studiare reclami malsani e inadeguati contro terapeuti, che si occupano di nascondere informazioni, menzogne ​​e calunnie. Anche la congestione generale è diventata un segno dei tempi: le denunce sono scritte in un numero mai visto prima».

Gli psicoterapeuti hanno bisogno di protezione dalle vicissitudini di questo mondo non meno dei clienti

“Se all'interno della professione si formano meccanismi di tutela del cliente: stesso codice etico, commissioni etiche, programmi di qualificazione, supervisione, allora non esistono meccanismi di tutela del terapeuta. Inoltre: il terapeuta etico ha le mani legate in materia di propria tutela! – dice Anastasia Dolganova. – Ad esempio, qualsiasi cliente dello psicologo di Masha può, in qualsiasi sito e per qualsiasi motivo, scrivere "Masha non è un terapeuta, ma l'ultimo bastardo!" Ma Masha scrive "Kolya è una bugiarda!" non può, perché in questo modo conferma il fatto del loro lavoro e viola la condizione di riservatezza, che è fondamentale per la psicoterapia. Cioè, non sembra molto buono per il campo pubblico. Al momento non ci sono meccanismi operativi per regolare questa situazione, ma ci sono già conversazioni e riflessioni su questo argomento. Molto probabilmente, qualcosa di nuovo nascerà da loro nel tempo. "

Vale la pena fissare separatamente le norme che aiuterebbero gli psicologi a navigare nel mondo di Internet, che in un modo o nell'altro implica una certa franchezza? Forse loro stessi hanno bisogno di protezione dalle vicissitudini di questo mondo non meno dei clienti.

“Credo che siano necessari nuovi punti nei codici etici professionali che consentano al terapeuta di ottenere una guida nello spazio pubblico moderno e prendersi cura sia della sicurezza dei propri clienti che della propria. Come tali punti, vedo, ad esempio, una chiara definizione di intimità e raccomandazioni su ciò che il terapeuta dovrebbe e non dovrebbe fare in caso di recensioni negative pubbliche sul suo lavoro o sulla sua personalità ", conclude Anastasia Dolganova.

Lascia un Commento