Come passare correttamente al vegetarianismo

Per alcuni, una dieta vegetariana è uno stile di vita, per altri è una filosofia. Ma indipendentemente dal suo valore, questo è uno dei pochi sistemi nutrizionali in grado di ringiovanire letteralmente il corpo, rendendolo più sano e resistente, e la persona stessa felice. È vero, soggetto a un'attenta pianificazione della dieta e al corretto passaggio al vegetarianismo.

Come passare correttamente a una dieta vegetariana

Il passaggio a un nuovo sistema di potere deve essere fatto consapevolmente. È imperativo studiare attentamente tutto ciò che riguarda il vegetarianismo, rendendosi conto che implica evitare carne, pesce o latte, ma non proteine. Essendo in realtà un materiale da costruzione non solo per i muscoli, ma anche per tutte le cellule del corpo, deve essere presente nella dieta.

Saranno utili anche i consigli dei nutrizionisti riguardo al passaggio al vegetarianismo. Ce ne sono molti, alcuni sostengono un cambiamento lento e graduale nelle abitudini alimentari, altri - uno acuto. Ma tutti menzionano possibili errori che possono influire negativamente sullo stato del corpo, provocandone lo stress e l'esacerbazione delle malattie croniche. Ecco perché devi conoscerli e cercare di evitarli in ogni modo possibile.

La consapevolezza è il primo passo verso il vegetarianismo

Non solo i medici, ma anche i vegetariani esperti insistono sul fatto che il passaggio a questo sistema nutrizionale dovrebbe essere preceduto dalla consapevolezza. Perché dovresti rinunciare alla carne? Cosa voglio ottenere? Sto perseguendo uno scopo religioso e voglio liberare tutti gli animali dalla sofferenza? Voglio perdere peso, proteggermi da gravi malattie, incontrare la vecchiaia senza dolore e vivere una vita lunga e felice? O, infine, mi sforzo solo di ascoltare il richiamo della natura e diventare di nuovo erbivoro?

Il vegetarianismo è una filosofia e le persone che lo ereditano sono profondamente ideologiche. Non puoi diventare vegetariano solo perché è trendy. Un organismo abituato a mangiare carne richiederà carne e la persona stessa proverà costantemente una sensazione di fame, che lo esaurirà, lo renderà arrabbiato e infelice.

La chiave del successo è il pragmatismo

Il modo più semplice per diventare vegetariani è cambiare il tuo atteggiamento nei confronti del cibo. Il cibo è costituito da vitamine e minerali, un complesso di grassi, proteine ​​e carboidrati che forniscono energia al corpo e lo aiutano a funzionare. Punto.

Non dovresti essere sofisticato nel processo di cottura. È meglio abbandonare completamente i complessi metodi di lavorazione dei prodotti che prevedono la cottura in forno per diverse ore o, peggio ancora, l'avvolgimento di alcuni ingredienti in altri. È anche meglio rimuovere dalla dieta i piatti che richiedono più di 6 componenti per cucinare.

Si ritiene che le nostre preferenze di gusto siano soggettive. E se oggi ci piace più spesso ciò che è dannoso, domani la situazione potrebbe cambiare radicalmente. La cosa principale è rendersi conto della propria disponibilità al cambiamento.

Rinunciare alla carne? Facilmente!

È difficile per una persona che ha mangiato prodotti a base di carne per molti anni escluderli dalla loro dieta durante la notte. Ma per semplificare questo processo, i nutrizionisti consigliano di rinunciare, prima di tutto, alla carne. Questi sono i modi esatti di cucinare che lo rendono delizioso.

È vero, insieme a questo, contribuiscono alla combustione delle strutture proteiche e alla formazione di agenti cancerogeni, che porta allo sviluppo di malattie oncologiche. Dopo averli abbandonati, puoi passare facilmente e indolore al vegetarianismo.

A questo punto, puoi semplicemente far bollire un pezzo di carne e mangiarlo senza spezie e salse. In questa forma, è insapore e il corpo lo capirà.

Abbasso il sale!

Dopodiché, è il momento di arrendersi e arrendersi. Cambia il gusto e nasconde il vero sapore del cibo. Ecco perché un pezzo di carne bollito ora deve essere mangiato non solo senza spezie e salsa, ma anche senza sale. E se è solo "Gustoso!" una volta era, ma ora, in generale, "Insapore!".

Questo passaggio è uno dei più importanti per le persone che hanno deciso di diventare vegetariani. Da questo momento iniziano a capire che la carne non è solo dannosa, ma anche insapore! Pertanto, non c'è più motivo per continuare a mangiarlo!

Continuiamo la nostra strada

Dopodiché, è tempo di rinunciare al pesce, se è stato fissato un tale obiettivo. Certo, contiene, senza il quale, sembrerebbe, il corpo non può farcela. Ma, d'altra parte, contiene anche colesterolo. Inoltre, in alcuni tipi di pesce è 3 volte di più che nel manzo o nel pollo.

 

In questa fase, è importante rinunciare a tutti i tipi di carne ea tutti i tipi di pesce durante la notte, semplicemente credendo che siano cibi indesiderabili. Se lo fai gradualmente, abbandonandoli uno per uno, potresti non diventare mai vegetariano.

Pensa alla dieta!

Per molti rinunciare alla carne equivale a rinunciare del tutto a cucinare. Questo non dovrebbe essere fatto per almeno due ragioni. In primo luogo, il passaggio a una dieta a base di cibi crudi è meglio farlo dopo il passaggio al vegetarianismo per salvare il corpo da stress inutili. In secondo luogo, ci sono un numero enorme di deliziose opzioni vegetariane. E la stessa dieta vegetariana è molto più varia di quella carnivora.

Quando preparano il cibo, i vegetariani possono combinare diversi ingredienti che, a seconda della varietà, della maturazione o del rapporto, daranno gusti diversi. Così, di giorno in giorno, avendo a portata di mano una serie di prodotti vegetariani, sarà possibile cucinare veri e propri capolavori e godere non solo di nuovi gusti, ma anche di cambiamenti favorevoli nel proprio corpo.

 

A proposito di una transizione graduale e brusca al vegetarianismo

Ci sono 2 opzioni per passare a una dieta vegetariana: gradualetaglio.

  1. 1 Prevede un lento cambiamento delle loro abitudini, la graduale sostituzione dei prodotti a base di carne con prodotti vegetali, quando la proporzione di carne prima diminuisce, e poi la persona ne rifiuta completamente. Può durare dai 4 ai 6 mesi. Il suo vantaggio è che consente al corpo di riadattarsi a una nuova dieta quasi indolore. E lo svantaggio è che è in questa fase che molti generalmente rifiutano di passare al vegetarianismo. Semplicemente perché ci sono troppe tentazioni in giro.
  2. 2 È anche chiamato rapido ed efficiente. I medici lo descrivono come segue: dopo l'allenamento obbligatorio, di cui solo un nutrizionista può parlare, una persona inizia a morire di fame. Il processo di sciopero della fame dura circa 7-10 giorni. Durante questo periodo, nel corpo si verifica una sorta di "ripristino delle impostazioni iniziali". Successivamente, sotto la supervisione dello stesso specialista, il cosiddetto. eliminare gradualmente il digiuno. Tuttavia, una persona non ritorna a una dieta a base di carne, ma mangia esclusivamente cibi vegetali. E si diverte!

Quale di questi metodi è meglio dipende da te! La cosa principale è ricordare che indipendentemente dalla tua scelta, devi essere esaminato da un medico ed escludere la presenza di controindicazioni a una dieta vegetariana.

Segreti di una transizione rapida e indolore al vegetarianismo

  • È meglio farlo durante la stagione estiva. Innanzitutto, questo periodo è ricco di una varietà di verdure e frutta. E, in secondo luogo, in questo momento, i processi metabolici sono migliorati e.
  • Insieme alla carne, è meglio rinunciare allo zucchero e ai cibi raffinati e contenenti zucchero, nonché ai fast food, al caffè e alle bevande gassate, poiché non hanno posto nella dieta di una persona sana. Inoltre, puoi sostituire qualsiasi dolce con il miele.
  • Non dimenticare di cereali e cereali. Insieme a verdure, frutta e noci, aiuteranno a diversificare la dieta e sopperiranno alla mancanza di nutrienti, in particolare vitamine del gruppo B, che il corpo potrebbe sperimentare all'inizio.
  • È imperativo aggiungere spezie, spezie e condimenti ai piatti cucinati, tuttavia, è necessario scegliere quelli che non contengono additivi ed esaltatori di sapidità. In primo luogo, ti consentono di cambiare radicalmente il gusto dei piatti e, in secondo luogo, di curare eventuali malattie o semplicemente di recuperare più velocemente.
  • È imperativo ascoltare il tuo corpo. Cambiare dieta è sempre scomodo. Ma anche se dopo qualche tempo ha bisogno di carne, molto probabilmente semplicemente non ha abbastanza proteine. Se la sensazione di fame persiste, è necessario aumentare la quantità di cibo consumato. Alla fine, 200 grammi di calorie vegetali non corrispondono a 200 grammi di carne. Se c'è mal di stomaco, allora è meglio rimuovere tutti i prodotti sconosciuti, lasciando solo quelli familiari e collaudati. Puoi inserirne di nuovi solo dopo il completo recupero.
  • Ricorda, non tutti i cibi vegetariani fanno bene. I fast food vegetariani – fritti o zucchine, hamburger di soia – possono fare tanto male quanto la carne.
  • È anche meglio consultare ancora una volta un nutrizionista e aggiungere inizialmente un buon complesso vitaminico.
  • È estremamente importante credere in te stesso e non deviare da ciò che è pianificato. All'inizio della transizione verso una dieta vegetariana, l'apparato digerente produce ancora tanti enzimi e succhi di cui ha bisogno per digerire le fibre grossolane della carne. Pertanto, una persona può provare disagio e leggera fame. Ma nel tempo, la situazione cambia radicalmente e il corpo si adatta con successo alla nuova dieta.

E, soprattutto, quando si passa a una dieta vegetariana, è necessario mantenere il buon umore e il buon umore e godersi i cambiamenti che stanno avvenendo!

 

Altri articoli sul vegetarianismo:

Lascia un Commento