Come diventare un investitore di rischio: cinque passi per i principianti

Contenuti

Gli investimenti di venture capital sono effettuati principalmente da fondi o eminenti business angels. Ma una persona senza esperienza può iniziare a investire in aziende in via di sviluppo e ottenere grandi entrate?

Circa l'esperto: Victor Orlovsky, fondatore e socio amministratore di Fort Ross Ventures.

Cos'è l'investimento di rischio

Il verbo venture nella traduzione dall'inglese significa "prendere dei rischi o decidere su qualcosa".

Un venture capitalist è un investitore che sostiene progetti giovani – startup – nelle fasi iniziali. Di norma, stiamo parlando di transazioni ad alto rischio, in cui puoi aumentare l'importo investito decine di volte o perdere tutto per un centesimo. La maggior parte degli imprenditori di successo considera questo metodo di finanziamento a causa dell'elevata redditività se il progetto ha successo.

La cosa principale che dovresti sapere sugli investimenti di rischio è che la maggior parte delle nuove aziende fallisce, 90 startup su 100 di nuova creazione non sopravviveranno. Sì, è rischioso. Ma, investendo come investitore di rischio in una fase iniziale, all'uscita puoi ottenere un reddito molto elevato da una società, che ripagherà più che le tue perdite.

Chi può diventare un investitore di venture capital

Per prima cosa devi capire perché vuoi investire. Se stai investendo per guadagnare denaro, devi capire che i rischi qui sono molto alti. Se stai investendo per piacere, questa è una storia diversa. Il mio consiglio:

  • guarda il tuo capitale liquido (contanti e altri beni), sottrai da esso ciò che spendi per vivere e investi il ​​15% dell'importo rimanente in investimenti di capitale di rischio;
  • il tuo rendimento atteso dovrebbe essere almeno del 15% annuo, perché puoi guadagnare circa lo stesso (massimo) su strumenti meno rischiosi su uno scambio organizzato;
  • non confrontare questo rendimento con il business che gestisci – per i progetti di capitale di rischio, il tuo ritorno sul rischio ponderato è comunque il massimo;
  • devi capire che il capitale di rischio non è un'attività liquida. Preparati ad aspettare a lungo. Meglio ancora, preparati ad aiutare attivamente l'azienda a crescere e risolvere i problemi, che, credimi, ce ne saranno molti;
  • preparati a cogliere il momento in cui devi dire a te stesso "basta" e lasciare che la startup muoia, non importa quanto sia difficile.

Cinque passi per costruire la giusta strategia di investimento

Un buon investitore di venture capital è il primo ad avere accesso a qualsiasi startup che sta cercando di raccogliere fondi e sa come scegliere la migliore tra loro.

1. Stabilisci un obiettivo per diventare un buon investitore

Un buon investitore è quello a cui le startup vengono per prime, prima di mostrare la loro presentazione agli altri. Un buon investitore gode della fiducia delle startup e di altri investitori se parliamo di un fondo. Per diventare un buon investitore, devi costruire il tuo marchio (personale o fondo), oltre a comprendere a fondo l'argomento (ovvero, dove investi).

Dovresti vedere tutti coloro che sono alla ricerca di investimenti in quella fase di sviluppo, quella geografia e nell'area in cui vuoi essere coinvolto. Ad esempio, se hai intenzione di investire in startup in fase iniziale con fondatori russi nel campo di AI, e ci sono 500 startup di questo tipo sul mercato, il tuo compito è ottenere l'accesso a tutte queste 500 aziende. Per fare ciò, dovresti impegnarti nel networking: stabilire relazioni di fiducia nella comunità delle startup e diffondere le informazioni su di te come investitore il più ampiamente possibile.

Quando vedi una startup, poniti la domanda: sei il primo a cui è venuto o no? Se sì, ottimo, ti permetterà di scegliere progetti migliori per gli investimenti.

È così che funzionano i fondi di rischio e gli investitori privati: prima costruiscono il proprio marchio, poi questo marchio lavora per loro. Certo, se hai dieci uscite (uscita, portando la società in borsa. — tendenze), e sono tutti come Facebook, una coda si metterà in fila per te. Costruire un marchio senza buone uscite è un grosso problema. Anche se non li avevi, tutti quelli che hai investito dovrebbero dire che sei il miglior investitore, perché investi non solo con denaro, ma anche con consigli, connessioni e così via. Un buon investitore è un lavoro costante sulla propria reputazione ideale. Per costruire un buon marchio, devi essere al servizio della comunità. Se hai aiutato sia le aziende in cui hai investito che anche quelle in cui non hai investito, avrai comunque una buona base di connessioni e sarai ben recensito. Il meglio verrà da te per soldi, nella speranza che sarai in grado di aiutarli nello stesso modo in cui hai aiutato gli altri.

2. Impara a capire le persone

Quando parli con una startup (soprattutto se la sua attività è in una fase iniziale), seguila come persona. Cosa e come fa, cosa dice, come esprime le sue idee. Fai domande, chiama i suoi insegnanti e amici, capisci come supera le difficoltà. Qualsiasi startup attraversa la “zona della morte” – anche Google, non ancora nato, era a un passo dal fallimento. Vincerà sicuramente una squadra forte, coraggiosa, volitiva, pronta a lottare, a non perdersi d'animo, a rialzarsi dopo le sconfitte, a reclutare e trattenere talenti.

3. Impara a capire le tendenze

Se parli con qualsiasi startup o investitore della Silicon Valley, diranno che sono stati davvero fortunati. Cosa significa fortunato? Questa non è solo una coincidenza, la fortuna è una tendenza. Immagina di essere un surfista. Catturi un'onda: più è grande, più guadagni, ma più è difficile rimanerci sopra. Una tendenza è un'onda lunga. Ad esempio, le tendenze in COVID-19 sono il lavoro a distanza, la consegna, l'istruzione online, l'e-commerce, ecc. Alcune persone sono state semplicemente fortunate di essere già in questa ondata, altre si sono rapidamente unite.

È importante cogliere la tendenza nel tempo e per questo è necessario capire come sarà il futuro. Molte aziende lo hanno colto nella fase in cui non era ancora veramente serio. Ad esempio, negli anni '1980, gli investitori hanno speso miliardi in algoritmi simili all'attuale IA. Ma non è successo niente. In primo luogo, si è scoperto che a quel tempo c'erano ancora pochi dati in formato digitale. In secondo luogo, non c'erano risorse software sufficienti: nessuno poteva immaginare quanto tempo e potenza di calcolo sarebbero stati necessari per elaborare tali matrici di informazioni. Quando IBM Watson è stato annunciato nel 2011 (il primo algoritmo AI al mondo. — tendenze), questa storia è decollata perché si sono presentati i presupposti giusti. Questa tendenza non era più nella mente delle persone, ma nella vita reale.

Un altro buon esempio è NVIDIA. Negli anni '1990, un gruppo di ingegneri ha suggerito che i computer moderni e le interfacce grafiche richiederebbero velocità di elaborazione e qualità molto diverse. E non hanno commesso errori quando hanno creato l'unità di elaborazione grafica (GPU). Naturalmente, non potevano nemmeno immaginare che i loro processori elaborassero e addestrassero algoritmi di apprendimento automatico, producessero bitcoin e che qualcuno avrebbe provato a creare database analitici e persino operativi basati su di essi. Ma anche un'area indovinata correttamente era sufficiente.

Pertanto, il tuo compito è catturare l'onda al momento giusto e nel posto giusto.

4. Impara a trovare nuovi investitori

C'è uno scherzo: il compito principale di un investitore è trovare il prossimo investitore. L'azienda sta crescendo e se hai solo $ 100, devi trovare qualcuno che investirà $ 1 milione in essa. Questo è un compito grande e importante non solo per una startup, ma anche per un investitore. E non aver paura di investire.

5. Non investire soldi cattivi dopo soldi buoni

Una startup in fase iniziale ti vende il futuro: l'azienda non ha ancora nulla e il futuro è facile da disegnare e facile da testare con potenziali investitori. Non comprare? Quindi ridisegneremo il futuro finché non troveremo una persona che crede in questo futuro nella misura in cui investirà i suoi soldi. Diciamo che sei l'investitore. Il tuo prossimo lavoro come investitore è aiutare la startup a raggiungere quel futuro. Ma quanto tempo serve per supportare una startup? Diciamo, sei mesi dopo, i soldi sono finiti. Durante questo periodo, dovresti conoscere molto bene l'azienda e valutare il team. Questi ragazzi sono in grado di raggiungere il futuro che hanno immaginato per te?

Il consiglio è semplice: metti da parte tutto quello che hai fatto e dimentica quanti soldi hai investito. Guarda questo progetto come se ci stessi investendo per la prima volta. Descrivi tutti i pro e i contro, confrontali con i record che hai fatto prima del tuo primo investimento. E solo se hai voglia di investire in questa squadra come per la prima volta, metti i soldi. Altrimenti, non fare nuovi investimenti: questi sono soldi cattivi dopo quelli buoni.

Come scegliere i progetti per gli investimenti

Cerca di investire con persone esperte, quelle che già comprendono l'argomento. Comunicare con i team. Considera quanti più progetti possibili, senza approfondire il primo che incontri. Non innamorarti della FOMO (paura di perdere qualcosa, "paura di perdere qualcosa di importante". — tendenze) — le startup nelle loro presentazioni alimentano perfettamente questa paura. Allo stesso tempo, non ti ingannano, ma creano il futuro in cui vuoi credere e lo fanno professionalmente. Quindi creano in te la paura che ti perderai qualcosa. Ma dovresti sbarazzartene.


Iscriviti anche al canale Trends Telegram e rimani aggiornato sulle tendenze attuali e le previsioni sul futuro della tecnologia, dell'economia, dell'istruzione e dell'innovazione.

Lascia un Commento